Cerignola, stop a processioni ed eventi religiosi: un’estate senza le tradizioni

Il 15 Agosto, per i cerignolani che restano in città, è il giorno in cui si festeggia la Madonna dell’Assunta. Un evento religioso e folkloristico tra i più seguiti anche dai c.d. “ciaonè”, che in questo periodo tornano dal Nord a fare visita ai parenti.

Quest’anno, a parte la Santa Messa e le preghiere nei giorni che precedevano la Festa in Chiesa, è stato annullato causa Covid il tradizionale evento religioso con la processione, l’allestimento di luminarie e la sfilata del carro per le vie cittadine.

Festa dell’Assunta senza “festa”

Chiunque sia passato da Via Pietro Mascagni, la sera del 15 Agosto scorso, ha sicuramente avvertito un senso di vuoto e tristezza per la “festa mancata”. I commercianti delle strade adiacenti la Chiesa dell’Assunta e tante abitazioni hanno omaggiato la Madonna dell’Assunta appendendo le tradizionali lampade colorate. Ma nessuna traccia delle colorate luminarie e delle persone che affollano le strade in attesa dell’uscita della processione.

Nei mesi scorsi, a Giugno e Luglio, sono state annullate anche le processioni in onore di San Luigi e Madonna del Carmine, altrettanto seguite e partecipate dalla popolazione di Cerignola.

Settembre senza festa patronale?

Si prospetta un Settembre altrettanto foriero di divieti e limitazioni a causa del Covid. Di conseguenza, noi cerignolani dovremmo cominciare a pensare che non vi sarà la festa patronale in onore di Maria SS. Di Ripalta.

Uno smacco alla tradizione cerignolana, che “chiude” proprio con i festeggiamenti alla Patrona il periodo delle vacanze estive, preparandosi al rientro a scuola e alla vita di sempre.

Sarà triste, quest’anno, rinunciare all’aria di festa che caratterizza i primi giorni di Settembre, quando bambini e adulti attendono con ansia il triduo 7-8-9 per vivere-ognuno a modo suo- la festa patronale. Di questi tempi c’era già qualcuno che aveva avviato il “toto cantante del 9 Settembre”, riportando voci di corridoio o fuga di notizie circa la partecipazione di questo o quell’artista al concerto in piazza Duomo.

Il Covid-19 ha spazzato via le tradizioni religiose più sentite, a Cerignola come altrove. Riusciranno, i più tradizionalisti, ad abituarsi a tutto ciò?

 

Condividi per favore sui tuoi social preferiti

Mi chiamo Cristiana Lenoci, sono laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La mia grande passione è la scrittura, ho maturato una discreta esperienza sul web e collaboro per diversi siti. Ho anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l'Università di Bari e l'Ordine dei Giornalisti di Puglia.

Autore dell'articolo: Cristiana Lenoci

Mi chiamo Cristiana Lenoci, sono laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La mia grande passione è la scrittura, ho maturato una discreta esperienza sul web e collaboro per diversi siti. Ho anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l'Università di Bari e l'Ordine dei Giornalisti di Puglia.

Lascia un commento