Si può fare a meno del Tempo?

Sommaroy è un villaggio della Norvegia. I suoi 300 abitanti hanno firmato una petizione per diventare la prima “time free zone” del mondo, un luogo in cui le cadenze fissate dall’orologio non avrebbero più valore legale. Vogliono maggiore flessibilità negli orari di lavoro, per scuole e negozi. In realtà si tratterebbe di formalizzare una consuetudine, visto che i residenti in estate vivono oltre due mesi di luce per 24 ore al giorno, e altrettanti mesi al buio in inverno. Dietro questa originale iniziativa, sostenuta dall’ente del turismo norvegese, potrebbe esserci anche unna furba strategia pubblicitaria. Trasformare questo piccolo villaggio in un luogo dove “il tempo non esiste” ne accrescerebbe il fascino, facendola diventare una meta ideale per una vacanza slow. In attesa che arrivi il via libero del governo, le due regioni del Nord norvegese, Finnmark e Nordland, hanno espresso la volontà di aderire al progetto.

Ammesso che sia davvero impossibile abolire l’uso dell’orologio per le pratiche quotidiane, ognuno di noi può però impegnarsi a riscoprire il valore del Tempo. Basti pensare che il tempo è come una banca che ogni mattina ti accredita 1.440 minuti sul tuo conto. E ogni notte cancella qualsiasi saldo non utilizzato durante il giorno.

Piccoli suggerimenti per utilizzare meglio il proprio Tempo

Dai più importanza al tempo e meno al Denaro: non c’è nulla di più essenziale (e prezioso) del tempo. Il denaro accumulato non può comprare il tempo perso ad essere insoddisfatti.

Evita una vita frettolosa: gestire la risorsa “tempo” il più serenamente possibile aiuta a ritrovare equilibrio. Quindi rallenta, prenditi delle vere pause durante la giornata per non arrivare distrutto (e frustrato) a fine serata.

Non perdere troppo tempo tra social e tv: cerca di usare la tecnologia senza “farti usare”. Allo stesso modo, evita di trascorrere molte ore al giorno davanti alla tv, a guardare programmi che non insegnano nulla.

Impara a rispettare il tempo degli altri: evita le chiacchiere e le discussioni inutili. Rispetta anche il tempo degli altri, cerca di non sprecarlo. Una delle cose più belle che si possa dire a qualcuno è: “Grazie del tuo tempo”, perché se una persona ha scelto di dedicartene un po’ significa tanto. E ciò le va ricnosciuto.

Impara a dire di No: elimina le cose inutili. E non sentirti in dovere di fare ciò che non vuoi. Impara a dire di no, senza doverti giustificare. “Questa cosa è davvero importante? Quanto impatterà sulla mia vita fra un anno?”: ogni tanto fatti questa domanda.

Curiosità sul Tempo

Gli Amondawa, una comunità che vive in una remota foresta brasiliana dell’Amazzonia, non conosce la parola “tempo”. Invitati a tradurla, rispondono “Kuara”, Sole. La loro giornata è, infatti, scandita dalla posizione della stella nel cielo.

Il termine giapponese “Nankurunaisa” significa: “Con il tempo si sistema tutto”.

Ora solare/legale: dal 2021 si cambia. Il Parlamento europeo ha deliberato una direttiva per abolire i cambiamenti semestrali di orario a partire dal 2021, andando incontro ad una volontà popolare espressa attraverso una consultazione a 4,6 milioni di cittadini europei, l’84% dei quali si sono detti favorevoli. I singoli Paesi, quindi, avranno facoltà di scegliere se adottare stabilmente l’ora solare o quella legale.

 

Condividi per favore sui tuoi social preferiti

Mi chiamo Cristiana Lenoci, sono laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La mia grande passione è la scrittura, ho maturato una discreta esperienza sul web e collaboro per diversi siti. Ho anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l'Università di Bari e l'Ordine dei Giornalisti di Puglia.

Autore dell'articolo: Cristiana Lenoci

Mi chiamo Cristiana Lenoci, sono laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La mia grande passione è la scrittura, ho maturato una discreta esperienza sul web e collaboro per diversi siti. Ho anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l'Università di Bari e l'Ordine dei Giornalisti di Puglia.

Lascia un commento