Monde-Festival del Cinema sui Cammini 2020 di Monte Sant’Angelo: anche Cerignola c’è

Comincia Venerdì 4 Settembre l’atteso Festival del Cinema sui Cammini di Monte Sant’Angelo (Fg), che quest’anno è particolarmente ricco di proiezioni interessanti ed eventi di vario tipo. La kermesse, giunta alla terza edizione, prevede la partecipazione di un ospite speciale, il regista Sergio Rubini, a cui verrà assegnato il Premio “Parco Nazionale del Gargano 2020” per i trent’anni del film “La stazione”.

Cerignola sarà degnamente rappresentata da due registi pugliesi che presenteranno, entrambi venerdì sera, i rispettivi documentari realizzati in Puglia: Lorenzo Scaraggi e Giuseppe Valentino.

Lorenzo, video-reporter on the road, originario di Bitonto (Ba), ha viaggiato per tutta la Puglia alla ricerca di storie di redenzione da raccontare per il documentario “Madre Nostra”. Ed è stato anche a Cerignola, presso la Cooperativa sociale “Pietra di Scarto”, che dal 2010 gestisce un territorio confiscato alla mafia. Qui, ha intervistato Giuseppe Mennuni, vicepresidente e socio della cooperativa, che ha raccontato la sua storia di rinascita e riscatto personale in un modo così profondo e toccante da restare a lungo impressa nella mente di chi l’ha ascoltata.

Se vuoi cambiare la tua vita, la cambi”, ha detto Giuseppe. E nel documentario di Scaraggi questa è una delle testimonianze di quanto sia possibile rinascere, riscattarsi e riprendere in mano la propria vita anche dopo un periodo buio.

Il documentario “Madre Nostra” sarà proiettato presso il Chiostro delle Clarisse di Monte Sant’Angelo alle ore 21.00.

“Senza Tempo” documentario sulla Transumanza di Giuseppe Valentino

Il regista cerignolano Giuseppe Valentino presenterà invece il suo documentario “Senza Tempo” sulla transumanza di Puglia, alle ore 22.15 presso il Chiostro delle Clarisse. Un racconto prezioso attraverso immagini di grande maestria che parla di uomini e animali, del loro delicato equilibrio e di come la Natura abbia già in sè gli strumenti per farci diventare persone migliori. Il regista ha seguito per molto tempo il percorso di una famiglia di pastori con le loro 300 mucche podoliche, dall’Irpinia al Tavoliere delle Puglie, in un viaggio che è  anche interiore alla scoperta di emozioni, ricordi e sensazioni.

I due registi pugliesi interverranno anche alle 18.30 presso il medesimo Chiostro, all’incontro dal titolo: “Raccontare i territori: tra fabula e intreccio” con: -Gianni Aureli (Regista e produttore); -Riccardo Girardi (Camminatore e ideatore The Pathfinder Project);  Luciano Toriello (Dir. artistico Mònde)

Il manifesto di “Monde”, edizione 2020.

“Senza Tempo”, il documentario di Giuseppe Valentino

 

 

 

 

Condividi per favore sui tuoi social preferiti

Mi chiamo Cristiana Lenoci, sono laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La mia grande passione è la scrittura, ho maturato una discreta esperienza sul web e collaboro per diversi siti. Ho anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l'Università di Bari e l'Ordine dei Giornalisti di Puglia.

Autore dell'articolo: Cristiana Lenoci

Mi chiamo Cristiana Lenoci, sono laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La mia grande passione è la scrittura, ho maturato una discreta esperienza sul web e collaboro per diversi siti. Ho anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l'Università di Bari e l'Ordine dei Giornalisti di Puglia.

Lascia un commento