Vico del Gargano, il paese dell’amore

In Puglia, nel cuore del Gargano, sorge Vico del Gargano. Qui, dal 14 al 17 Febbraio, si svolgono i festeggiamenti in onore di San Valentino, patrono della città e protettore degli agrumeti. Nei tre giorni di festa i vicoli e le piazzette del suo centro storico si vestono a festa con addobbi di agrumi (arance, limoni e foglie di alloro), ci sono spettacoli, eventi gastronomici, intrattenimento di vario tipo per accogliere i numerosi turisti e visitatori che arrivano da ogni parte d’Italia.

Una tradizione ormai secolare racconta che mangiare le arance benedette dal patrono San Valentino e berne il succo esaudisca tutti i desideri di gioia e felicità, come una miracolosa pozione d’amore.

Uno scorcio tipico del centro storico porta il suggestivo nome di “Vicolo del bacio”: si tratta di una via strettissima (solo 50 cm di larghezza) che garantisce dolci effusioni e facili contatti tra gli innamorati.

I turisti possono deliziare il palato con un prodotto di eccellenza garganica, la “Paposcia”, il tipico panino con ingredienti semplici e genuini.

Sempre a Vico del Gargano si può visitare il “Trappeto Maratea”, un antichissimo frantoio risalente all’anno 1000, oggi diventato museo etnografico della civiltà contadina, e testimonianza della produzione locale dell’olio di oliva.

Condividi per favore sui tuoi social preferiti

Mi chiamo Cristiana Lenoci, sono laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La mia grande passione è la scrittura, ho maturato una discreta esperienza sul web e collaboro per diversi siti. Ho anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l'Università di Bari e l'Ordine dei Giornalisti di Puglia.

Autore dell'articolo: Cristiana Lenoci

Mi chiamo Cristiana Lenoci, sono laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La mia grande passione è la scrittura, ho maturato una discreta esperienza sul web e collaboro per diversi siti. Ho anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l'Università di Bari e l'Ordine dei Giornalisti di Puglia.

Lascia un commento