Quibi: la piattaforma per offrire video di qualità

Il termine “Quibi” nasce dalla “fusione” delle due parole che compongono l’espressione “quick bites”, cioè “piccoli morsi”. Si chiama così la piattaforma che metterà a disposizione contenuti video di qualità, pensati per essere visti soprattutto sul telefonino, e con una durata inferiore ai dieci minuti. Quibi dovrebbe diventare operativa nella primavera del 2020.

Per “riempire” i buchi di tempo

Su questa piattaforma online saranno disponibili serie, spettacoli, documentari e altri contenuti video di alta qualità, che dureranno meno di dieci minuti. La durata ridotta è il tratto distintivo di tutti i prodotti che saranno presenti su Quibi perché, secondo i fondatori, soprattutto fra i giovanissimi sta aumentando il numero di individui che guarda video nei ritagli di tempo, oppure durante gli spostamenti necessari per arrivare a scuola o al lavoro. In realtà, nel loro complesso i contenuti, in particolare le serie, potranno avere anche una durata di qualche ora, ma saranno sempre articolati in episodi di non più di 10 minuti.

Prestigiose collaborazioni

Le premesse per il successo di Quibi ci sono già tutte. In pochi mesi, infatti, l’idea è piaciuta così tanto da riuscire a raccogliere fondi per più di un miliardo di dollari, coinvolgendo sia prestigiose case cinematografiche sia note aziende di altri settori. Inoltre, i vertici della piattaforma sono al lavoro per stringere accordi con registi, attori e produttori del calibro di Steven Spielberg, Ben Stiller, Guillermo del Toro e Jason Blum.

Due sono le persone che hanno dato alla luce la piattaforma: da un lato c’è Jeffrey Katzenberg e dall’altro Meg Whitman. Il primo è un produttore cinematografico, che insieme a Spielberg e David Geffen ha fondato anche la casa di produzione “Dreamworks”. La seconda, invece, ha un curriculum completamente diverso: oltre ad essere stata tra i co-fondatori di e-Bay, fino a due anni fa è stata alla guida della Hewlett Packard, colosso americano dell’informatica.

 

 

Condividi per favore sui tuoi social preferiti

Mi chiamo Cristiana Lenoci, sono laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La mia grande passione è la scrittura, ho maturato una discreta esperienza sul web e collaboro per diversi siti. Ho anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l'Università di Bari e l'Ordine dei Giornalisti di Puglia.

Autore dell'articolo: Cristiana Lenoci

Mi chiamo Cristiana Lenoci, sono laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La mia grande passione è la scrittura, ho maturato una discreta esperienza sul web e collaboro per diversi siti. Ho anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l'Università di Bari e l'Ordine dei Giornalisti di Puglia.

Lascia un commento