Pulizie di primavera? Segui il metodo giapponese Konmari

Stanze disordinate, oggetti vecchi o inutili, abiti che da tempo non usiamo più: sono elementi che appesantiscono non solo gli spazi della casa che abitiamo, ma anche la nostra vita. Marie Kondo, guru giapponese di 34 anni e mamma di due bimbi, ha iniziato fin da piccola a dedicarsi alla cura dei particolari, fino ad elaborare un metodo collaudato che ora è diventato una vera e propria filosofia di vita.

La tecnica del KonMari insegna ad eliminare il superfluo e allo stesso tempo a cancellare vecchie abitudini e brutti ricordi che affollano la mente. Lavare, sistemare, buttare, diventa un momento per fare pulizia in casa ma anche dentro di sé (soprattutto in primavera). I gesti che compiamo nell’organizzare meglio gli spazi, buttare cose ormai inutilizzate o eliminare abiti che non mettiamo più ci portano, infatti, a fare chiarezza anche nei pensieri e a riflettere su ciò che vogliamo davvero, poiché noi evolviamo insieme ai nostri gusti, esigenze ed obiettivi.

Le soluzioni proposte da Marie Kondo sono le più praticate del momento. Dal 2011 ad oggi la Kondo la pubblicato due manuali: “Il magico potere del riordino” e “96 lezioni di felicità”, che sono diventati bestseller in oltre trenta Paesi. Da Gennaio di quest’anno, inoltre, è approdata anche su Netflix Italia, con il programma intitolato “Facciamo ordine” che, in otto lezioni, mette in pratica la sua filosofia.

I cinque punti chiave del KonMari

Riordinare è un Rito

Fare ordine è un momento speciale che si dedica a se stessi. Bisogna quindi essere motivati e prepararsi a raggiungere l’obiettivo durante la giornata. Procrastinare o diluire nel tempo non va bene, poiché il caos tende a riappropriarsi degli spazi.

Procedere per Categoria

Se siete abituati a pulire una stanza per volta, dovete cambiare approccio. Marie infatti suggerisce di procedere per categoria: abiti, libri, riviste, oggetti decorativi, fotografie, ecc. Questo perché gli oggetti possono trovarsi in diverse stanze della casa: in tal modo si evita l’effetto boomerang, ossia tornare ad accumulare.

Cosa tenere e buttare

Eliminare cose rotte e inutili può risultare abbastanza agevole. Ma per le altre, invece? Il consiglio di Marie è quello di lasciarsi guidare dalle emozioni, imparare a ringraziare gli oggetti e salutarli, tenendo con sé solo quelli che danno gioia o suscitano bei ricordi. Solo dopo aver scartato il superfluo ci si accorge di quante cose sono state accumulate nel tempo, e si può avvertire un senso di leggerezza.

Ogni cosa al suo posto

Dopo aver sgomberato la casa dalle cose superflue, bisogna sistemare con cura ciò che è rimasto. Basta dare un posto fisso a ciascuna cosa: solo questo aiuta a mantenere la casa sempre in ordine, anche in futuro. Per risparmiare spazio, poi, Marie insegna tecniche efficaci di piegatura e stivaggio.

Vivere nel presente

Scegliere e pensare a cosa trattenere e cosa lasciar andare serve a fare chiarezza dentro di sé, a disfarsi dell’attaccamento al passato e delle ansie per il futuro, focalizzandosi solo sui desideri e le aspettative del presente. “Quando riordinate, la vostra vita cambia in maniera radicale”. E’ questo il potere magico garantito da Marie Kondo. Provare per credere!

 

 

Condividi per favore sui tuoi social preferiti

Mi chiamo Cristiana Lenoci, sono laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La mia grande passione è la scrittura, ho maturato una discreta esperienza sul web e collaboro per diversi siti. Ho anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l'Università di Bari e l'Ordine dei Giornalisti di Puglia.

Autore dell'articolo: Cristiana Lenoci

Mi chiamo Cristiana Lenoci, sono laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La mia grande passione è la scrittura, ho maturato una discreta esperienza sul web e collaboro per diversi siti. Ho anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l'Università di Bari e l'Ordine dei Giornalisti di Puglia.

Lascia un commento