Michele Cianci amministratore Bar.s.a. Barletta

Sarà l’avvocato Michele Cianci il nuovo amministratore unico di Bar.s.a. la municipalizzata che si occupa dei servizi ambientali nella città di Barletta. La nomina è stata decisa dal sindaco Cosimo Cannito, Cianci ricoprirà il ruolo che è stato di Luigi Fruscio e interromperà la gestione del presidente del collegio sindacale Lorenzo Chieppa. L’indicazione dell’avvocato barlettano è arrivata nella mattinata di martedì ed ha chiuso una querelle iniziata subito dopo l’elezione di Cannito il quale dapprima pareva orientato a riprisitinare il consiglio di amministrazione poi proprio dagli studi di Teleregione nel corso della trasmissione Fuori dal Coro ha annuciato la conferma dell’amministratore unico, forma di gestione della municipalizzata in vigore dal 2013. I motivi della decisione sono spiegati dallo stesso primo cittadino.

La nomina di Cianci è arrivata dunque un po’ a sorpresa e lascia Forza Barletta, gruppo di riferimento del senatore di Forza Italia Dario Damiani, come unica forza di maggioranza senza alcun incarico di governo. Nonostante  gli innegabili mal di pancia, il sindaco chiedendo scusa a Damiani si dice certo che la decisione non provocherà scossoni nella sua maggioranza.

Cianci già noto noto per aver portato avanti diverse battaglie ambientaliste con il comitato “Operazione aria pulita-BAT tramite un comunicato stampa ha sottolineato come la sua adesione all’incarico in Bar.s.a. sia subordinata al fatto che è necessario depoliticizzare la società comunale e dare merito ai cittadini che si adoperano per la città. Allo stesso tempo ha annunciato che sarà vicino ai  i cittadini di qualunque colore politico nonché a tutti i lavoratori della Barsa che tengono ai valori della cosa comune.

 

Sono lusingato della nomina fatta dal Sindaco Cannito. Tengo a precisare che la mia adesione a tale incarico è subordinata al fatto che è necessario depoliticizzare la società comunale e dare merito ai cittadini che si adoperano per la nostra città, contribuendo fattivamente alla raccolta differenziata, anche con uno sgravio della tassazione mentre occorrerà, viceversa, sanzionare, pesantemente, tutti coloro i quali stanno danneggiando l’immagine di Barletta, chiunque essi siano”. Commenta così la sua nomina ad amministratore unico dell’azienda comunale Bar.S.A. l’avvocato Michele Cianci. “Sarò vicini a tutti i cittadini di qualunque colore politico nonché a tutti i lavoratori della Barsa che tengono ai valori della cosa comune. Solo così si potrà avere una città pulita a dimensione di uomo e di famiglie”.

Di seguito il curriculum vitae del neoamministratore Bar.S.A.:

CIANCI Avv. MICHELE, Patrocinante in Cassazione,

Nato a Cerignola (FG) il 03.07.1963.

DIPLOMA DI MATURITA’ SCIENTIFICA 1981;
DIPLOMA DI MATURITA’ MAGISTRALE 1982;
LAUREATO in Giurisprudenza all’Università di Bari il 03.12.1987;
COMMISSARIO ESTERNO AGLI ESAMI DI STATO IN DIRITTO PER IL PROVVEDITORATO DI BERGAMO 1990 e DI PESARO 1991
CORSO DI PERFEZIONAMENTO (MASTER) IN PROCESSO TRIBUTARIO E SANZIONI PENALI ANNO 1987/1988;
HA PARTECIPATO IN QUALITA’ DI RELATORE AL CONVEGNO STUDIO IN MATERIA DI CONTRATTI BANCARI ORGANIZZATO dall’ U.D.A.I. il 02.12.2005 presso la Sala Rossa del Castello di Barletta
Iscritto all’Albo degli Avvocati di Trani dal 09.11.1991.
Iscritto all’Albo degli Avvocati della Cassazione dal 27.11.2003.
Curatore Fallimentare di diverse società.

Specializzato in diritto PENALE e PROCEDURA PENALE

NEL MAGGIO DEL 2015 ha fondato il Comitato Operazione Aria Pulita BAT (OAP) del quale è il Presidente, e in tali vesti ha promosso denunce penali nei confronti della BUZZI UNICEM e della TIMAC per reati di inquinamento. Si è sempre adoperato per problemi sociali.

Opera in tutta i Tribunali d’Italia in particolare a Bari, Milano e Roma presso la Suprema Corte di Cassazione.

Lingue parlate correntemente: italiano e inglese.

Ha difeso, con successo, clienti imputati in processi concernenti reati di criminalità organizzata anche di tipo mafioso (ex art.416 bis C.p.), omicidi aggravati, associazioni finalizzate al traffico di stupefacenti, estorsione, sequestri di persona a scopo di estorsione (anche innanzi al Tribunale di Milano – III sez. Presidente dott. Italo GHITTI), associazioni finalizzate alle truffe comunitarie (anche innanzi al Tribunale di Milano GUP dott. Clementina FORLEO) ha ottenuto una particolare visibilità difendendo nella fase cautelare del processo denominato “Vallettopoli” alcuni personaggi tra i quali SCHICCHI Riccardo, ottenendo la revoca della misura cautelare sui gravi indizi di colpevolezza innanzi al Tribunale della libertà di Potenza; difensore, tra gli altri di CORONA Fabrizio, MORA Lele. Ha promosso azione penale contro l’anatocismo presso la Procura della Repubblica di Trani nei confronti dell’allora Governatore della Banca d’Italia Antonio Fazio.

 

 

Autore dell'articolo: Antonio Dilorenzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *