Ferrero sostiene i viaggi di “Intercultura”: borsa di studio anche per Silvia P.

Si conferma tra le famiglie italiane il desiderio di arricchire la formazione dei loro figli adolescenti all’estero. Anche quest’anno sono stati quasi 7.000 gli studenti che hanno partecipato alle selezioni di “Intercultura” per poter aderire a uno dei programmi proposti: un anno, un semestre, un trimestre, un bimestre scolastico o un soggiorno linguistico della durata di un mese estivo.

Quest’estate saranno circa 2.200 gli studenti a partire verso tutti i continenti tre quarti di loro  potranno beneficiare di una borsa di studio totale o parziale erogata da uno sponsor o dal fondo appositamente creato da Intercultura, associazione che dal 1955 promuove programmi scolastici in più di 60 Paesi di tutto il mondo.

Nel corso degli anni aziende, enti, donatori privati continuano a credere nella formazione internazionale dei giovani studenti offrendo borse di studio totali o parziali a beneficio degli adolescenti che desiderano trascorrere un periodo lungo di studio e di vita all’estero con Intercultura.
Tra questi, il Gruppo Ferrero che da numerosi anni sostiene Intercultura. Anche quest’anno, grazie al suo sostegno, potranno vivere un’esperienza che cambierà la loro vita 8 studenti meritevoli, figli dei dipendenti della multinazionale dolciaria albese, in partenza per un programma di approfondimento linguistico, della durata di 4 settimane, all’estero.

Si tratta di 4 studentesse piemontesi: Francesca Bianca B., studentessa del “Cocito” di Alba, in partenza per l’Inghilterra; Manuela Agnese D. e Martina I., studentesse del “Govone” di Alba, in partenza rispettivamente per gli Usa e per il Canada; Charlotte F., studentessa del “Baldessano Roccati” di Carmagnola, in partenza per gli Usa; poi uno studente toscano, Edoardo N., studente del “Douhet” di Firenze, in partenza per l’Irlanda; una studentessa campana, Felicia N., studentessa del “D’Aquino” di Montella (Avellino) in partenza per gli Usa; due studenti pugliesi: Silvia P., studentessa dell’”Einstein” di Cerignola (Foggia), in partenza per la Spagna, e Salvatore Gilles C., studente del “Fermi-Monticelli” di Brindisi, in partenza per la Cina;

A insignirli, nel corso di un’apposita cerimonia di premiazione, sono stati Massimo Micieli, direttore Risorse Umane Polo Italia, Bartolomeo Salomone, segretario generale della Fondazione Ferrero e consigliere di amministrazione Ferrero Spa, Edo Milanesio, presidente e amministratore delegato Ferrero Management Services Italia, che ieri, lunedì 27 maggio, presso la sede della Fondazione Ferrero, hanno consegnato agli studenti la pergamena attestante la vincita della borsa di studio all’estero con Intercultura. In rappresentanza di Intercultura, Susie Eibenstein, responsabile Borse di Studio e Liberalità di Fondazione Intercultura e un volontario del centro locale di Alba-Bra.

Diverse le motivazioni che spingono da sempre il Gruppo Ferrero a investire in Intercultura, ma l’obiettivo principale è l’apprendimento interculturale, ovvero la capacità di interiorizzare i diversi bisogni di studio che emergono dall’evolvere della società contemporanea, integrando i punti di vista “locali” in un processo di dialogo interculturale. Questo perché nell’esperienza all’estero sono messe in gioco capacità di adattamento, abilità di problem solving, necessità di comunicare in un contesto sconosciuto, senso di disciplina, capacità di organizzazione personale: tutti elementi che portano ai saperi del XXI secolo, imprescindibili nella formazione personale e professionale dei nuovi manager e dei cittadini del mondo in senso lato.

 

Condividi per favore sui tuoi social preferiti

CEO e founder di NexWeb.it è l'ideatore di Cerignolaonline.it

Autore dell'articolo: Antonio Dilorenzo

CEO e founder di NexWeb.it è l'ideatore di Cerignolaonline.it

Lascia un commento