1° Marzo, la Festa del Risparmio Energetico

Venerdì 1° Marzo è la giornata dedicata al risparmio energetico e agli stili di vita sostenibile, tema scelto dalla quindicesima edizione di “M’illumino di meno”.

Questa iniziativa è nata nel 2005 da Caterpillar e Rai Radio2 con una richiesta particolare ai propri ascoltatori, quella di spegnere tutte le luci che non sono indispensabili per aumentare la luminosità del rispetto per l’ambiente.

Un’iniziativa simbolica ma di forte impatto, che aiuta a far riflettere su come basti poco per “far del bene” al pianeta e a tutti i suoi abitanti.

Di cosa tratta “M’illumino di meno”?

L’iniziativa di quest’anno è dedicata all’economia circolare, il riutilizzo di materiali per ridurre gli sprechi, cercare di limitare l’utilizzo di oggetti usa e getta e di far allontanare il “fine vita” degli stessi.

Il continuo utilizzo e consumo di prodotti sempre nuovi, inquina e contamina sempre più la nostra Terra, oggi più che mai aumentata dal fattore del consumismo.

Per questo motivo l’obbiettivo della Festa del Risparmio Energetico è quello di promuovere la cultura del rispetto verso il pianeta e di cercare di sensibilizzare per far comprendere che le risorse finiscono, ma che tutto si può rigenerare.

Chi ha aderito?

Per questa particolare occasione diversi musei programmeranno visite guidate a bassa luminosità rispettando i limiti previsti. Già da tempo questa campagna ha riscontrato notevole condivisione da parte di molteplici amministrazioni locali, come il Duomo di Milano, l’Arena di Verona, Piazza San Marco a Venezia e anche la Tour Eiffel ed altrettanti altri luoghi di cultura; spegnendo le luci per l’intera giornata.

Ma in particolare modo si vedono coinvolte le scuole di ogni ordinamento, con dibattiti e incontri finalizzati ad educare al rispetto dell’ambiente le nuove generazioni e abituarle a limitare gli sprechi. Anche il Web si fa sentire, promuovendo il 1° Marzo con dibattiti ed eventi a cui poter prendere parte per partecipare alla salvezza del pianeta.

Condividi per favore sui tuoi social preferiti

Ciao, mi chiamo Letizia Trenti, ho 22 anni e sono una studentessa universitaria fiorentina iscritta a Lettere Moderne. Scrivere ha sempre fatto parte di me fin dall'infanzia e nel crescere ho appreso che questa passione, così profondamente radicata, potesse darmi un'effettiva possibilità di carriera. Curiosa ed intraprendente cerco sempre di scovare news e novità accattivanti ed interessanti per me e per chi avrà il desiderio di leggere i miei articoli.

Autore dell'articolo: Letizia Trenti

Ciao, mi chiamo Letizia Trenti, ho 22 anni e sono una studentessa universitaria fiorentina iscritta a Lettere Moderne. Scrivere ha sempre fatto parte di me fin dall'infanzia e nel crescere ho appreso che questa passione, così profondamente radicata, potesse darmi un'effettiva possibilità di carriera. Curiosa ed intraprendente cerco sempre di scovare news e novità accattivanti ed interessanti per me e per chi avrà il desiderio di leggere i miei articoli.

Lascia un commento